mercoledì 18 agosto 2010

HATTRICK - Qualche considerazione sui Portieri












Comincio raccogliendo cosa stato detto UFFICIALMENTE sui portieri negli editoriali degli ultimi 5 anni, si tratta di 3 interventi:




1) editoriale Dettagli del contributo dei Giocatori del 2007-10-08

"Fino ad oggi, l’unica abilità che contava per i portieri era Parate, ma d’ora in avanti sarà importante allenarli anche in difesa! Del contributo totale di un portiere, infatti, d’ora in poi più del 25% sarà dato dalla Difesa, mentre parate contribuirà un 5 % in meno, circa, rispetto ad oggi.. (il contributo di Parate potrebbe essere ulteriormente ridotto in futuro)"

allora, del "contributo totale" di un portiere più del 25% è dato da Difesa, il resto da Parate.

Cosa si intende per "contributo totale" nel 2007?
I calci piazzati diretti non sono ancora stati introdotti, quelli diretti dipendono ancora solo da Parate e non da calci piazzati.
Le possibilità sono due:
  1. per "contributo totale" si intende l'apporto dato dal portiere ai 3 reparti di difesa
  2. per "contributo totale" si intende l'apporto dato dal portiere ai 3 reparti di difesa più quello dato dallo stesso portiere nei calci piazzati diretti
da come prosegue la frase "mentre parate contribuirà un 5% in meno" è lecito presumere che gli HT si stiano riferendo agli apporti in campo e non stiano considerando la parte relativa ai calci piazzati.
Quindi credo che la 1. sia l'ipotesi più verosimile.

Quanto "più del 25%"? non è dato intendere in queste righe.
Supponiamo "25%+x" in tal caso Parate conterà per "75%-x"
se x vale 1, allora gli apporti sono in relazione 74/26=2.85
se x vale 8.5, allora gli apporti sono in relazione 66.5/33.5=1.99
il rapporto Parate/Difesa varia piuttosto velocemente al variare di x

da poco meno di 3 (poco meno perché "3" sarebbe a x=0 e gli HT specificano "più del 25%" e quindi x>0) a 2 con x che varia da 0 a 8.5
Per ora mi fermo qui riguardo a questo e andiamo avanti con gli editoriali.




1) editoriale Prossima stagione: Calci di punizione indiretti e tiri da fuori del 2008-01-28

"Oggi Hattrick ha due tipi di calci piazzati – calci di punizione diretti e calci di rigore. Entrambi funzionano allo stesso modo, mettendo di fronte lo specialista in calci piazzati e il portiere avversario. Gli altri giocatori in campo non influenzano questi eventi. A questi aggiungeremo un terzo tipo di calci piazzati: i calci di punizione indiretti. Questi ultimi funzioneranno come un gioco di squadra. Questo significa che si baseranno sulle skill di un certo numero di giocatori, sia quando si cerca di trasformare in gol un calcio piazzato, sia quando ci si difende da esso. Il tiratore e il portiere saranno ancora importanti, ma saranno solamente un anello di una catena.

Calci di punizione diretti e rigori

I calci di punizione diretti e i rigori funzioneranno in modo molto simile ad oggi. Una modifica riguarda il portiere che difende una punizione diretta o un rigore. La sua abilità nel fare questo terrà conto anche della sua skill calci piazzati. Per avere un portiere abile nel parare le punizioni dirette e i rigori, egli avrà bisogno di abilità in parate e in calci piazzati."

Quindi nei Calci Piazzati Diretti: Parate + Calci Piazzati, il secondo in misura forse minore, in ragione dell' "anche" evidenziato nel testo

"Calci di punizione indiretti

Il risultato di un calcio di punizione indiretto è deciso più dal lavoro di squadra che da una attitudine individuale. L'efficienza della squadra che attacca è influenzata dalla media della skill calci piazzati e dalla media della skill attacco dei giocatori di movimento. In aggiunta, il livello di calci piazzati dello specialista darà un impatto aggiuntivo.
La punizione in attacco se la deve vedere con la squadra in difesa. E questa difesa si basa sulla media della skill difesa più la media della skill calci piazzati, ancora di tutta la squadra escluso il portiere. I portieri sono estremamente importanti e difenderanno usando le loro skill calci piazzati e parate."

da una ricerca condotta in DAC si è visto che

VDif = 40% mDIF + 30% mCP + 10% gkCP + 8% gkPAR

quindi i portieri nei calci piazzati indiretti contano col 10% della loro skill calci piazzati e con l'8% della loro skill Parate



3) editoriale Uno sguardo alla modifica al motore di gioco del 2010-03-19

"I portieri contribuiranno leggermente meno con la loro skill parate, incidendo su entrambi i lati e centro."

Dalla tabella dei coefficienti di Flattermann modificata dallo studio sul feedback di HO! dopo le modifiche introdotte risultano i seguenti contributi dati dal portiere

in DIFESA CENTRALE
0,5575 di Parate
0,2650 di Difesa

in ogni DIFESA LATERALE
0,6170 di Parate
0,2765 di Difesa

quindi se assumo una distribuzione 35% in zona centrale e 25% in ogni laterale
ottengo che la media ponderata dell'apporto di parate è

0,5575 * 0.35 + 0.6170 *.50 = 0.504

quella di difesa è

0,2650 * 0.35 + 0,2765 *.50 = 0.231

quindi il rapporto tra le medie ponderate dei contributi è 0.504 / 0.231 = 2.18

2.18 corrisponde a un valore di x visto sopra pari a circa 6.5, cioè difesa che pesa per il 31.5% del totale, un valore che sembra piuttosto alto.



*****


Detto questo cominciamo a fare due conti per vedere quale sia la possibile miglior "ricetta" per costruire un portiere.
Per far questo dobbiamo introdurre nelle relazioni anche i calci piazzati, dato che le frequenze osservate sono di 10% di calci piazzati diretti e 5% di indiretti a partita si tratta di un punto tutt'altro che secondario.
Parecchia ricerca deve essere ancora fatta nell'ambito Calci Piazzati e per alcune cose, soprattutto in relazione ai cp diretti, credo si debba aspettare un pronunciamento degli HT.

Primo problema: non conosciamo le forme funzionali del confronto tra i valori di calci piazzati di attacco e difesa.
In mancanza di meglio le supponiamo uguali a quelle del confronto attacco/difesa. Questo consente un confronto diretto dei livelli settori/calci piazzati.

Secondo problema: che io sappia non esistono studi approfonditi sulle relative importanze di parate e cp nei calci piazzati diretti, per cui siamo costretti a fare congetture.
Se nell'espressione dell'editoriale sembra che parate sia forse più importante di cp, nello studio effettuato sembra che cp sia più importante di parate. Nel dubbio le poniamo ugualmente importanti.

Terzo problema: i valori di cp diretti non sono visibili, come supporli?
Questo è un punto chiave e di non facile soluzione

Quarto problema: come mettere in relazione i coefficienti validi per i settori di campo con le percentuali trovate per i calci piazzati.
Con molta cautela quindi procedo a tentare una sintesi unitaria:
cerco con quali valori il portiere possa portare un contributo pari a "1" nei diversi settori e in cp

Difesa Centrale (35% di azioni):
servono circa 6.70 livelli di parate
oppure 14.135 livelli di difesa

Difesa Laterale (50% di azioni):
servono 5.6 livelli di parate
oppure 12.5 livelli di difesa

Calci Piazzati Indiretti (5% di azioni):
servono 12.5 livelli di parate (1/0.08)
oppure 10 livelli di calci piazzati (1/0.10)

Calci Piazzati Diretti (10% di azioni):
suppongo del tutto arbitrariamente valori in linea coi precedenti e quindi
servono 10 livelli di parate
oppure 10 livelli di calci piazzati

Quindi il TOTALE di apporti, pesati per le % di distribuzione di azioni, sono, nelle varie skill:

Parate: (1/6.7)*0.35+(1/5.6)*0.50+0.08*0.05+0.10*0.10 = 0.1555

Difesa: (1/14.135)*0.35+(1/12.5)*0.50 = 0.0647

Calci Piazzati: 0.10*0.05+0.10*0.10 = 0.0150

Le relazioni potrebbero quindi essere
Parate / Difesa = 0.1555 / 0.0647 = 2.40 un valore tutto sommato accettabile
Parate / Cp = 0.1555 / 0.0150 = 10.36



****


Ora spostiamoci da un punto di vista di pianificazione dell'allenamento, sfruttando il Tool di Pianificazione dell'Allenamento 3.3 che distribuirò a breve (più "tecnico" rispetto al 4.8 postato pochi giorni fa), e proviamo a fare alcune simulazioni partendo da un 17enne con 0 giorni e le seguenti abilità di base: Parate 7.5, Difesa 5.5, Cp 3.
Allenatore buono, 10 assistenti, 100% Intensità, 10% Resistenza.

Procediamo in modo semplice, allenando il giocatore prima in Parate, poi in Cp, poi in Difesa e infine ancora in Parate fino al compimento del 30° anno di età.
Il tool fa vedere i livelli stimati raggiunti dal giocatore in ogni skill al momento dei vari compleanni (i cali che vedete sono dovuti ai cali di skill per skill alta)



Che si può anche vedere in un grafico:




Ho cominciato con 40 allenamenti in Parate, che portano il giocatore poco sopra al livello 16, un livello di compromesso, che consente di aver un buon portiere con stipendi non eccessivi e soprattutto non esposto a cali clamorosi di skill da "alta skill". I cali infatti sono ora un problema piuttosto serio, si manifestano già dal livello 15 ed erodono sensibilmente le skill alte non allenate. Apro una parentesi postando un grafico che mostra quante settimane ci vogliano a perdere 1 livello di skill a causa dei cali con le vecchie formule (in blu) e con le nuove (in rosso):




Vedete quindi come al variare del livello di skill tra 17 e 24 vari il numero di settimane: alle altissime skill non cambia molto, ma prendete un giocatore magico senza decimali (18,00): se prima ci volevano 160 settimane a farlo calare a mitico senza decimali (17,00) ora ne bastano 94, e dato che dobbiamo parcheggiare il giocatore circa una novantina di settimane per skillarlo in CP e difesa, sembra poco saggio alzarlo a 18 per trovarcelo poi a 17 sprecando così preziosi allenamenti. Scelgo quindi di fermare lo skillaggio di parate a 16.

Proseguo skillandolo in CP per 15 settimane, tanto dovrebbe bastare a portarlo poco sopra a 16, un valore che mi sembra congruo.

Dopodiché la variabile è: quanto lo alleno in Difesa?
Non resta che procedere per tentativi: provo ad allenarlo 5 settimane, 10, 15, ecc fino a 100 settimane e vedere quali valori riesce a raggiungere nei vari casi al compimento del 30° compleanno.



Come scegliere l'uno o l'altro profilo? Occorrono le stime fatte in precedenza riguardo la relazione di importanza "Parate/Difesa", in soldoni "quanti livelli di difesa per farne uno di parate".
Avevamo trovato un valore di 2,40 , ma consideriamo un range più ampio: dal 2,2 di Flattermann ad un 2,8 che sembra un tetto in alto.
Per inciso calci piazzati resta furoi da queste valutazioni in quanto ha un livello identico per tutti e quindi non è un elemento di discriminazione.

Basterà quindi dividere il valore di difesa i valori da 2,2 a 2,8 , sommarlo al valore di parate e otteniamo questa tabella:


se ipotizziamo che il rapporto sia 2,2 allora il profilo ideale è a 70 settimane di allenamento difesa (il valore 28,777 evidenziato in grassetto), se guardiamo per 2,3 è ancora a 70 settimane, per 2,4 idem e anche per 2,5 mentre per i valori da 2,6 a 2,8 il massimo è leggermente inferiore, a 65 settimane di difesa. Guardando il grafico


vediamo come i massimi si presentino a valori piuttosto simili, nonostante i rapporti tra Parate e Difesa cambino parecchio da 2,2 a 2,8.
Facendo uno zoom nella zona dei massimi vedo che:


i valori esatti dei massimi sono per

Rapporto "Parate / Difesa" 2.2 -> il numero ottimale di allenamenti in Difesa è 71
Rapporto "Parate / Difesa" 2.3 -> il numero ottimale di allenamenti in Difesa è 70
Rapporto "Parate / Difesa" 2.4 -> il numero ottimale di allenamenti in Difesa è 69
Rapporto "Parate / Difesa" 2.5 -> il numero ottimale di allenamenti in Difesa è 68
Rapporto "Parate / Difesa" 2.6 -> il numero ottimale di allenamenti in Difesa è 67
Rapporto "Parate / Difesa" 2.7 -> il numero ottimale di allenamenti in Difesa è 66
Rapporto "Parate / Difesa" 2.8 -> il numero ottimale di allenamenti in Difesa è 65

quindi, ad esempio, se un utente stima 2.4 e un altro utente 2.6 la differenza è di soli 2 miseri allenamenti in difesa su 208 allenamenti ricevuti dal giocatore (meno dell'1% cioé nulla se considero che ci sono sempre infortuni, squalifiche ecc).
I valori mostrati nell'ultima tabella da 65 a 71 sono quindi i valori OTTIMALI di parate e difesa al compimento del 20° compleanno, un range piuttosto ristretto che vede

Parate variare tra 21.7 e 21.9
Difesa variare tra 15.00 e 15.55

Se prendo come valore medio il rapporto "2.5" il valore ottimale è 68 e l'evoluzione del giocatore quella mostrata sopra nella tabella con le età.




Naturalmente se prendiamo un portiere con valori di partenza diversi otterremo risultati diversi; ad esempio partendo da un giocatore che a 17 anni è a 8 in difesa, 1,5 in parate e 3 in cp otterremo (con la stessa configurazione di staff e % di intensità e allenamento) un profilo di crescita di questo tipo:


i seguenti valori al variare delle settimane di allenamento in difesa


partendo da valori piu' alti in difesa, il numero di settimane di allenamento "difesa" da dare è inferiore.
Anche qui i massimi valori sono quasi indipendenti dalla stima del rapporto "Parate/Difesa", attestandosi a valori prossimi a 55/60 settimane.

Dal punto di vista dei confronti tra i massimi di prima e i massimi di adesso vediamo che il giocatore che parte da 8 in difesa e 1 in parate diventa sempre, seppur di pochissimo (0.3%), un portiere più forte del precedente.




Infine una precisazione: ricordate che tutto questo discorso ha a monte determinate ipotesi, alcune delle quali in corso d'esame
  • le formule dell'allenamento stimate da Flattermann siano attendibili
  • la stima dell'accelerazione dell'allenamento elaborata da me sia buona (e questo ce lo confermerà la ricerca aperta in DAC e in Italia)
  • i cali seguano la formula elaborata da Danfisico (che la sta aggiustando via via che arrivano i dati)

PS. dai un occhio all' INDICE del blog, ci sono parecchi articoli che ti potrebbero interessare.




Andreac (team ID 1730726 in Hattrick)

Creative Commons License
This opera by Andreac is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported License. Cioé questo lavoro può essere liberamente copiato, distribuito o modificato senza espressa autorizzazione dell'autore, a patto che l'autore sia chiaramente indicato e la pubblicazione non sia a fini commerciali.

4 commenti:

tiracche rosse ha detto...

Analisi approfondita e considerazioni che faranno scuola.
Una sola pecca, per un niubbo come me: manca una conclusione ed, eventualmente ad un consiglio.
Tutto questo dove porta?
Guido

Andreac ha detto...

Uh, c'è tanta carne al fuoco in questo articolo... Se devo selezionare due cose al volo devo dire

1) la necessità di più studi sui CP che essendo il 15% delle azioni di una partita sono piuttosto rilevanti

2) il fatto che l'allenamento veloce ha cambiato le carte in tavola.
Prima con l'allenamento lento l'ostacolo era proprio la lentezza dell'allenamento, si era costretti a scegliere tra un allenamento e l'altro con attenzione dato che non ci sarebbe stato tempo per allenare sia parate che difesa. Quindi il punto era "dove fermarsi a difesa" in modo che il contributo del portiere fosse cmq piu' alto possibile. Di qui tutti i discorsi sull'importanza relativa delle due skill.
Ora invece con l'allenamento veloce l'ostacolo sono i cali di skill: puoi tirar su sia parate che difesa, ma se tiri su troppo una i cali eroderanno quanto faticosamente dato... l'osservazione importante di qs articolo è che indipendentemente dalle opinioni circa l'importanza relativa delle due skill il profilo di allenamento è sostanzialmente unico.

Se mi chiedi un consiglio e sei allenatore di parate credo che sia da valutare il fermare lo sviluppo in parate attorno ai livelli 15/16, dare difesa al giocatore, poi CP e infine proseguire con parate, proprio per minimizzare i cali di skill totali che dovrà subire il giocatore.

Gioenjoy ha detto...

Complimenti per gli affascinanti studi che svolgi, ci vorrebbe davvero un fondo ricerca su Hattrick XD

Volevo chiederti se studi dello stesso genere hai anche intenzione di farli con attacco/passaggi/CP e attacco/passaggi/regia/CP (in caso di Tecnico 3/4ista).

Grazie

Anonimo ha detto...

bell'articolo anche se non capisco perchè fare CP come secondo allenamento, CP è l'unico allenamento che non dipende dall'età quindi secondo me è piu conveniente farlo per ultimo